Le forme degli organismi viventi sono state nel corso degli anni grandi ispiratrici di numerosi oggetti di design, forse per la loro essenziale semplicità. In modo particolare per questa collezione l’idea è nata osservando le forme dei Radiolari (da cui ne riprende il nome), protozoi marini che costituiscono parte dello zooplancton: essi possiedono scheletri minerali talmente intricati ed eleganti che fin dalla loro scoperta suscitarono un grande interesse da parte dei microscopisti e degli studiosi di ogni parte del mondo; a volte somigliano a minuscole stelle poichè il loro scheletro è formato da sottilissimi aghi di biossido di silicio, simili a fasci di luce (in gran parte sono creature bio-luminiscenti) che si irradiano dal corpo cellulare.

La maggior parte delle immagini che si possono trovare oggi nelle enciclopedie, sui libri di testo e on-line sono dovute ad un biologo tedesco che nell’Ottocento se ne innamorò e che per decenni continuò a studiarli con grande talento; si trattava del biologo, zoologo, filosofo ed artista tedesco Ernst Haeckel (1834-1919) che con le sue pubblicazioni fu il primo a diffondere la conoscenza dei Radiolari anche fra i non professionisti, soprattutto grazie alla sua opera pubblicata in diverse parti del mondo a partire dal 1899 (integralmente nel 1904) intitolata “Kunstformen der Natur” (conosciuta nei Paesi anglosassoni come “Art Forms in Nature”) che racchiude una serie di tavole da lui disegnate, molte delle quali dedicate proprio a questi Protozoi. Nelle tavole di Haeckel arte e scienza convolano a nozze e non a caso i Radiolari immortalati nella “Kunstformen der Natur” ispirarono l’Art Nouveau di René Binet, Hermann Obrist e August Endell: l’esempio più lampante è probabilmente la Porta monumentale dell’Esposizione Universale di Parigi del 1900, eretta in Place de la Concorde e progettata appunto da Binet, che riprodusse una sorta di gigantesco scheletro di Radiolare.

È dalla visione di queste illustrazioni che nasce l’idea che ha portato alla progettazione delle tre lampade che compongono la collezione “Radiolaria”: CRAN, TRIPUS e GALEA.

 

Design: Erica Fineschi
Maestro d’arte

Tripus
Cran1
Galea
Erica

Tripus

Cran

Galea

Amb1
Amb2
Amb3
Radiolaria1

Copyright © 2004-2016 LUX Italia srl. All rights reserved.
LUX Italia srl, Viale delle Industrie 34, 20040 Cambiago (MI) Italy, VAT 02295530220
T. +39 02 9530 8160, F. +39 02 9534 6438, info@luxitalia.eu
 

LUX Logo

Professional LED Lighting Systems